Dove stiamo andando?

Siamo nella realtà virtuale o in quella vitale?

Bel dilemma!

Mi stai leggendo dalla realtà virtuale, quella che gira in rete, quella che può farmi diventare quello che non sono, rappresentandomi meglio o peggio di quello che sono.

Ma io voglio essere me stesso, vitale come sempre, sia online che offline!

Nella mia vita virtuale, essendo presente in rete, de-scrivo chi sono, cosa faccio per le imprese e “molto democraticamente” dico quello che penso riguardo le “strategie di presenza sul mercato delle imprese“.

Lo faccio perché chi ha bisogno della mia consulenza nella strategia di vendita e di presenza sul mercato, si possa ricordare di me al momento che gli viene in mente la parola “marketing”.

Una volta che il mio futuro cliente o “brand ambassador” si ricorda di ciò che faccio, ha a disposizione una serie di “touchpoint” con cui entrare in contatto con me.

Semplice a dirsi, strategico e complesso nel produrre il sistema….

Le PMI italiane generalmente pensano che basta un sito vetrina o una pagina di Facebook aggiornata, o qualcuno anche che si organizza con campagne ADS completamente fuori target o, come dico io, “buttandosi nel mare grande, cercando di pescare ciò che trova”.

Nulla di più sbagliato, tanti sforzi per un risultato forse positivo, magari a breve, ma poco lungimirante.

Saper dividere la presenza dell’impresa sul mercato tra virtuale e reale è fondamentale per molti motivi, come questi:

  1. la strategia online fa ottenere un audience maggiore e con le tecniche adeguate si riesce prima a capire chi è la nostra Buyer Persona (cliente tipo), per poi conoscerlo meglio;
  2. la strategia offline fa meno contatti, in cui è possibile, tramite alcune tecniche, ridurre i tempi della decisione all’acquisto. Inoltre aiuta a massimizzare il profitto con una vendita super personalizzata.

Naturalmente la presenza online è fondamentale per quella offline e viceversa. Oggi sono legate a doppio filo tra di loro e le aziende che non ne sono consapevoli (… e sono tante) perdono molte vendite e svendono il loro valore.

Nella tua impresa come siete messi?

Tutto inizia dall’analisi dei numeri, per poi applicare le attività del fare marketing, ti serviranno solo 10 minuti per ottenere una maggiore consapevolezza sull’impatto che ha attualmente la tua azienda/brand sul mercato.

Inizia da qui