fbpx

Il benessere si perde quando ci si lascia andare

2019-10-02T15:36:01+02:002 Ottobre 2019|

Il benessere si perde quando ci si lascia andare, siamo sinceri! Cercare altrimenti di mantenere lo status quo o di migliorarlo, senza l'impegno costante, è utopia. Alla ricerca del benessere corrisponde una ricetta soggettiva, sia se desideri mantenere il tuo stato di forma, sia per migliorarlo. Se decidi di star meglio fisicamente, molto probabilmente ti iscriverai ad un centro fitness. Se non vuoi spendere però soldi per l’abbonamento, allora ripiegherai magari sulla corsa in strada da solo o in compagnia di amici. Quindi riuscirai a ritrovare benessere con il movimento, pagando o no? La risposta è scontata, il tuo benessere

Il professionista rimette quando sente: che ce vo’

2019-09-30T10:31:03+02:0028 Settembre 2019|

Hai presente quel momento in cui il cliente ti chiede un progetto, un servizio? Ovviamente prima presenti un preventivo e ti viene risposto con la fantasmagorica frase: tutti questi soldi.... e che ce vo’? Ora capita raramente, ma anche io in passato ho subìto quest'affermazione. Conosciamo tutti il rodimento che ne deriva, la frustrazione nel decidere se trattare il prezzo o lasciar perdere. Chi ben inizia è a metà dell'opera…. e quindi personalmente non accetto più di continuare il discorso. Per me il “che ce vo’” è chiave di assoluta chiusura. Non tratto, quindi non ci rimetto (soprattutto in salute)! A

La pessima idea di affrontare l’oceano con la tua impresa

2019-09-09T11:37:24+02:006 Settembre 2019|

L'oceano di cosa?... Perché dovrebbe essere una pessima idea? Il mercato delle PMI è molto cambiato negli ultimi dieci anni, lo si giustifica con mille scuse, ma la ragione principale riguarda l'evoluzione culturale che la rete internet ha portato nelle nostre case, nei nostri negozi, nelle nostre attività. L'essere connessi oggi ha raggiunto una forma matura, anche se qualche persona ancora fa resistenza a questo grande balzo, e non ne vuole proprio sapere. La forza comunicativa è aumentata, le tecniche ed il linguaggio si avviluppano, producendo un caos mediatico: il rumore delle onde dell'oceano. Questo discorso agli addetti ai lavori, o

A chi non serve un personal brand?

2019-08-19T16:06:10+02:0019 Agosto 2019|

Cos’é il Personal brand? Non era sufficiente il brand? Il brand è un marchio, inteso come presenza identificativa di un’azienda, di un prodotto o di un operatore non necessariamente commerciale. Un brand non è un fatto estetico, è ciò che crea appeal e identificabilità ad un soggetto, trasmettendo tra le tante cose, autorevolezza, notorietà e valore. È l’abito del marketing che si diffonde attraverso le azioni che si compiono! Un buon marketing  oggi è una buona narrazione. Lo storytelling che offre un'esperienza, le sensazioni di una bella storia, è ciò che distingue marchi davvero eccezionali dagli altri. Ciò è particolarmente

Fare o non fare marketing: quale sarà il destino della tua impresa?

2019-05-31T17:21:47+02:0031 Maggio 2019|

Fare o non fare marketing? Questo è un dubbio o una necessità? I clienti non entrano dalla tua porta e se entrano non acquistano. Magari chiedono informazioni, provano i prodotti, li toccano, li osservano ma… poi escono per non tornare più. Dove sbagli? Dove vanno a finire? Probabilmente tornano a casa e acquistano con una semplice pressione del dito sul loro smartphone. Le conseguenze sono fatali: la tua impresa fa sempre meno soldi, rischi di fallire e di veder cestinati tutti i tuoi sacrifici. Fare o non fare marketing? La sorte della tua azienda, così, finisce per incidere anche sulla

La svolta del punto vendita fisico: il guadagno arriva dai servizi

2019-05-14T17:48:48+02:0014 Maggio 2019|

Negli anni 80 ho vissuto la mia prima esperienza imprenditoriale con una concessionaria di auto. Il margine di guadagno allora proveniva maggiormente dalla vendita del prodotto ed i servizi collegati, come l'assistenza in officina, erano orientati al pareggio. Un piccolo introito aggiuntivo veniva dalle commissioni finanziarie e dai servizi di messa in strada. Bei tempi direbbe qualcuno della mia età! Oggi il mercato è piuttosto diverso data la grande offerta di prodotto, con l'uso di strumenti informativi in rete e la forte influenza dei social network. Per questi motivi è in corso una trasformazione del modello di business delle attività commerciali fisiche.

Abbassare i toni e prendere la mira (bene)

2019-05-06T17:54:22+02:006 Maggio 2019|

Le imprese ancora tentano di far emergere il brand spendendo soldi in comunicazione. Più il tempo passa e sempre più si siamo sottoposti a migliaia di messaggi più o meno commerciali, più o meno persuasivi. C'é un grande intasamento delle timeline di Facebook, appelli all'acquisto su Instagram con laborioso utilizzo di foto e video, pubblicità tradizionali su ogni dove, persino sulla tovaglietta della tavola calda dov’è vado a pranzo (che qualcuno avrà pure sponsorizzato). Ma funziona? È misurabile? Come? Quante vendite fatte nel periodo d’investimento? Sarò vecchio, ma tutto questo non ha più senso. Non ne vale la pena! Il

Cosa accade alla nostra azienda se i social vanno in down?

2019-05-02T17:38:18+02:002 Maggio 2019|

Vi ricordate cosa è successo lo scorso 15 aprile? Facebook, Whatsapp e Instagram sono andati in down in più parti del mondo, trasformando una domenica di sole in una giornata di fuoco per chi lavora con i social. Gli account dei social network di Mark Zuckerberg sono stati inaccessibili per diverse ore. Una sciocchezza, potrebbe pensare qualcuno. Addirittura una benedizione per gli haters dei social, poche ore regalate a una chiacchierata vis-à-vis, ad una passeggiata o ad un buon libro. Si è trattato invece di un disservizio importante di tre ore, ma non il più lungo. Il 13 marzo scorso,